Cicerale- informazioni turistiche Hot

http://www.webcilento.com/media/reviews/photos/thumbnail/204x204s/9d/be/c2/cicerale-39-1392311681.jpg
0   1   0

Dove

Indirizzo
Via Umberto I
Città

Cicerale è un paese del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano situato sul fianco destro dell'alta valle del fiume Alento, su uno sprone del monte San Leo a 475 metri sul livello del mare. Presenta una caratteristica struttura allungata, con una duplice fila di case disposte ai lati di un'unica strada. L'origine del nome è quasi del tutto sconosciuta. Potrebbe derivare dal latino cicero, ossia cece, o da fundus ciceralis, ad indicare luogo dove si coltivano i ceci. Il paesaggio circostante,pervaso dalla rigogliosa e incontaminata Macchia mediterranea, custodisce i suggestivi segni della storia: le vestigia delle civiltà classiche, gli antichi eremi bizantini e benedettini, le aspre fortezze longobarde e le austere torri normanne. Il risultato è un'inedita combinazione tra il fecondo riserbo dei luoghi e la spudorata bellezza della natura: un richiamo irresistibile per i conquistatori del passato e per i turisti di oggi.

La prima notizia del borgo di Cicerale si ritrova in un documento del 1461, anno in cui Ferdinando I d'Aragona sottrasse il feudo alla famiglia Capano per concederlo ai Sanseverino, nobile casata di origine normanna. Probabilmente, il nucleo primitivo del paese sorgeva in località Bocca di fava e si chiamava Corbella; il piccolo centro fortificato subì le asprezze sia della guerra del Vespro sia della congiura dei Baroni: ancora oggi si possono vedere i ruderi del castello situato in vetta al Monte Battaglia, lungo il versante del Monte Sant'Andrea, a nord di Cicerale. La posizione strategica del borgo Ciceralensis, di diretto controllo sulla viabilità tra la piana di Paestum e quella di Velia, ne consentì la sopravvivenza attraverso i secoli e nonostante i cambi di feudatari. I Sanseverino affidarono il borgo ai Gentilcore; nel 1636 esso passò ai Carafa, in seguito al ramo dei Carafa-Primicile che lo mantennero fino al 1806, data di abolizione della feudalità. Il nobile passato, la vitalità e l'operosità di Cicerale trovano il loro simbolo nel santo patrono: Giorgio, l'indomito cavaliere che vinse un orribile drago nel segno di Cristo. Inoltre, il nome del santo deriva dal greco gheorgòs, "contadino", e sembra richiamare un'altra "gloriosa" tradizione del paese: i ceci, talmente unici e gustosi da meritare un accurato disciplinare di produzione che impone la coltivazione biologica certificata AIAB (Associazione Italiana Agricoltura Biologica).

Mappa

Social Share

Località vicine

Distanza: 1.88 Km
Distanza: 3.13 Km
Distanza: 5.18 Km


Vuoi il tuo banner qui?

Vai all'inizio della pagina

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terze parti

Procedendo nella navigazione accetti il cookie disclaimer.

Approvo